Condividi

I commenti di politici e sindacati.

«È una battaglia persa in partenza», con questa motivazione il sindaco di Menaggio Alberto Bobba ha respinto, nella seduta di Consiglio di ieri sera, la mozione presentata dalla minoranza con la quale veniva richiesto di prendere posizione nei confronti dello stato di crisi della Navigazione Laghi.

UN DOCUMENTO CONDIVISO

Un documento importante, nato in seguito all’assemblea pubblica tenutasi a Menaggio nel febbraio scorso durante la quale varie forze politiche avevano trasversalmente evidenziato l’importanza di redigere un atto condiviso dalle amministrazioni locali per dare più forza alle richieste da inoltrare al Governo nel tentativo di sbloccare la situazione della Navigazione. La proposta di una mozione da sottoporre ai vari Consigli Comunali del territorio era stata appoggiata dai consiglieri regionali Luca Gaffuri (Pd) e Dario Bianchi (Lega Nord), nonché dal senatore Alessio Butti (Pdl).

LE RICHIESTE

Nel documento, presentato ieri sera, si invita Sindaco e Giunta “ad attivarsi presso il Governo nazionale per l’immediato ripristino delle risorse destinate al finanziamento della Navigazione Laghi; a sollecitare la regionalizzazione del servizio al Presidente della Regione e l’Assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità; a partecipare con un proprio rappresentante al “Tavolo permanente per la Navigazione Laghi” da costituire d’intesa con i Parlamentari e i Consiglieri regionali espressione del territorio, la Provincia, le Comunità montana e i Comuni interessati”.

MENAGGIO CI SARÁ, MA NON IN PRIMA LINEA

Quella di ieri in Consiglio a Menaggio doveva essere la prima approvazione del documento per poi venire diffuso a tutte le altre amministrazioni, ma la risposta del sindaco Bobba ha tagliato ogni ulteriore discussione: «Nessun problema a rappresentare Menaggio qualora venisse istituito il tavolo, ma io non me la sento di impegnarmi nel realizzare o gestire tali iniziative. Credo che in questo caso i Comuni abbiano ben poche competenze e che i tavoli istituzionali spesso non servono a risolvere le situazioni di reale crisi come questa».

«Un gesto gravissimo – ha commentato il capogruppo di minoranza Gianluca Pedrazzini -, vista la forte richiesta da parte di politici e cittadini di una presa di posizione ufficiale e condivisa da parte delle amministrazioni locali su questo tema».

IL COMMENTO DELLA LEGA NORD

La notizia della bocciatura della mozione sta sollevando da varie parti contrarietà e preoccupazione. «Evitare di mettersi in gioco decidendo a priori che una battaglia è persa è un atteggiamento che assolutamente non condivido – ha dichiarato in merito il consigliere regionale Dario Bianchi -. Noi andremo avanti nel tentativo di trovare una soluzione alla situazione e affinché il Governo risponda alle nostre istanze; con la bocciatura di ieri verrà senz’altro a mancare un aiuto. Una delibera di Consiglio approvata dalle amministrazioni locali ha certamente un peso diverso dalle proteste di lavoratori ed utenti e rappresenta un elemento di pressione molto efficace. Spero in un atteggiamento diverso da parte degli altri Sindaci».

IL COMMENTO DEL PD

«La presa di posizione da parte del sindaco Bobba e della sua maggioranza – ha commentato il consigliere regionale Luca Gaffuri – denota una mancanza di interesse nei confronti dei pendolari e dei lavoratori che ogni giorno utilizzano il trasporto lacuale. Ancora più incomprensibile appare la mancanza di volontà da parte di un comune importante come Menaggio di porsi a capo di una battaglia per un servizio che è anche fonte di sviluppo economico per tutto il Centro Lago. Sicuramente le rassicurazioni date non più di un mese fa da parte del senatore Butti sulla copertura del disavanzo non hanno visto finora concretizzazione, ma non per questo i nostri comuni devono arrendersi a una situazione che deve essere necessariamente modificata».

IL COMMENTO DEI SINDACATI

Contrariato anche il segretario regionale della Filt-Cgil Trasporti, Ivan Panzica: «La ragione addotta non ha alcun fondamento. Già in passato sono state ottenute risorse prima negate grazie allo svilupparsi di iniziative ed interventi condivisi. Mi auguro che gli altri sindaci del territorio affrontino la situazione con più decisione. Quello che è in gioco non è soltanto il destino di un ente, Navigazione Laghi, ma anche lo sviluppo turistico ed economico di tutta la zona».

SI VA AVANTI

«La battaglia che il sindaco Bobba considera persa – ha dichiarato infine Gianluca Pedrazzini – è condivisa da tantissime persone e va combattuta fino in fondo, nell’interesse del nostro territorio. Per questo diffonderemo immediatamente il documento a tutti i comuni della zona del lago chiedendo ai consigli comunali di votare la mozione».

 

A cura di Elisa Denti
Vaol.it – denti.elisa@gmail.com