20 novembre 2017

STORIA

In principio il piroscafo Mincio fu un rimorchiatore per chiatte e barconi che trasportavano merci di ogni tipo dalle banchine ferroviarie lungo il Canale Mercantile di Peschiera del Garda e dalle banchine ferroviarie del porto centrale di Desenzano.

Nel 1915  vennero requisiti tutti i battelli della società di navigazione del lago di Garda per essere armati e usati lungo il confine con l’Impero Asburgico che si trovava nella parte alta del lago.

Nel 1916 vennero restituiti tutti tranne il Mincio e il Garda che vennero armati con cannoni navali provenienti da La Spezia e continuarono fino al 1918 il loro servizio.  Il Mincio era armato con 3 cannoni da 57 mm che si vedono uno a poppa e due ai fianchi della torretta e 4 nuovissime mitragliatrici modello Fiat 1914 che si vedono posizionate lungo le fiancate.

L’equipaggio civile lacustre dei battelli venne arruolato e posto sotto il comando di ufficiali di marina che si vedono vestiti con l’uniforme bianca.  La base principale era a Peschiera del Garda mentre quella avanzata era nella baia di sogno a Malcesine. L’attivita principale era il pattugliamento insieme ai Mas del confine e il cannoneggiamento delle posizioni austriache sulle falde del monte Altissimo.

Al termine della Grande guerra la flottiglia lacustre del Garda venne disarmata e il Mincio dopo aver difeso i sacri confini della Patria tornò ai suoi compiti usuali di rimorchiatore lacustre continuando a trasportare merci rimorchiando chiatte e i tipici barconi a due alberi lacustri su e giù per le due sponde veronese e bresciana .

Dopo la costruzione della strada gardesana negli anni ’30 che facilitò i traffici merci via terra troviamo il Mincio in una nuova occupazione al servizio del reparto militare RAV di Desenzano.
Il Mincio I è l’ultima cannoniera che ancora solca il lago di garda . Il Garda è stato demolito.

È registrato come Mincio I perchè il nome Mincio è stato scippato dalla Navigazione Laghi in un periodo in cui era stato radiato dai registri

Nella prima foto di inizio ‘900 si vede il Mincio in conformazione rimorchiatore, con la struttura per sostenere il cavo di rimorchio in mezzo al ponte a poppa.
In realtà i barconi venivano agganciati alle fiancate e trasportati in questo modo lungo le sponde del lago senza dipendere dalla variabilità del vento come era sempre successo in passato quando si sapeva quando si partiva ma non quando si sarebbe tornati a casa.
Le fiancate del Mincio portano i segni di questo continuo sfregamento con le chiatte di trasporto e sono state deformate dalla loro linea originale.

Informazione a cura di Stefano Zardini

SCHEDA TECNICA

Tipo Natante Piroscafo Rimorchiatore
Costruttore Baccigalupo – Genova
Anno Varo 1904
Anno Rimodernamento 2011
Stato Attuale In Noleggio
DIMENSIONI
Lunghezza 26 mt
Larghezza 4.85 mt
Immersione 1,80 mt
Dislocamento P.C 105 t
Stazza Lorda 74 t
PORTATA
Posti a Sedere
Posti in Piedi
Posti Seduti al Coperto
Posti Pranzo
Portata Totale 100
Equipaggio
APPARATO MOTORE
Costruttore
Modello
Potenza Unitaria 380 cv
Combustibile Nafta
Numero Motori 1
Potenza Complessiva 380 cv
PROPULSIONE
Tipo Al elica
Numero 1
Inversione Al Motore
PRESTAZIONI
Velocità ?
Consumo Medio ?
DOTAZIONI DI BORDO
Cucina
Bar
Toilette(s)
Radar
Aria Condizionata
Biglietteria
Servo-Timone
Sala da Ballo